Jul 21 2014

Aaron Swartz, storia di un attivista del web

C’è una scena indimenticabile nel documentario “The Internet’s Own Boy“, che ricostruisce la vita densa, breve e fuori dagli schemi di Aaron Swartz, il programmatore, innovatore, attivista e sostenitore del libero accesso alle informazioni morto suicida nel gennaio 2013, a soli 26 anni. Ed è quando lo si scorge bambino fare capolino dietro al tavolo di una conferenza, relatore insieme ad altri che hanno venti-trenta-quaranta anni più di lui, e che lo ascoltano con attenzione stupefatta.

CONTINUA SU L’ESPRESSO