Dec 30 2015

Sorveglianza, hacker, privacy, diritti: di cosa ho scritto nel 2015

Online_Privacy_and_the_Founding_Fathers

Ho raccolto qua una selezione di articoli che ho scritto nel 2015. Non sono tutti ma rappresentano abbastanza quello di cui mi sono occupata, come cronista, in questo anno (in cui ho avuto l’onore di ricevere un premio dalla Coalizione Italiana Libertà e Diritti Civili sul tema delle libertà civili come giornalista).

Così il tuo smartphone sa tutto di te, e del tuo futuro

Hacker, intelligence, propaganda: la difficile caccia all’Isis online

Taglie, broker, Stati: chi sono i mercanti di attacchi informatici

PlayStation, Bitcoin, app: così Internet è diventata il capro espiatorio di Parigi

L’irresistibile ascesa delle droghe in Rete

Silk Road: fine della strada

Sulla saga Hacking Team:

E poi ancora:

La Rete è in guerra: e il giornalismo sarà la prima vittima #ijf15

Così l’UK spierà l’attività online degli utenti

La sentenza della Corte Ue sulla privacy spiegata in 10 punti

Perché la serie tv Mr. Robot fa impazzire gli hacker

Venduto 4chan, il forum più controverso e prolifico del Web

Mamma, devo fare i compiti di coding

 

 


Sep 24 2014

La cyberstrategia dell’ISIS e chi la combatte

ISIS-opNO2ISIS

Lo Stato islamico continua la sua propaganda online, sfruttando poco i cyber-attacchi. Ma ecco chi lo tiene d’occhio

Lo Stato islamico è ormai noto per le sue aggressive strategie online, a partire dalla propaganda sui social media, che sono usati sia come mezzo di diffusione dei propri messaggi sia come metodo di reclutamento di giovani, specie quelli che vivono in nazioni occidentali. Ma il governo americano non è l’unico a contrastarlo, oltre che con i raid in corso in queste ore, anche nella guerra informativa portata avanti in Rete, a colpi di video e hashtag. Il fronte cyber è infatti estremamente complesso e frammentato, composto da diversi soggetti, spesso in conflitto fra loro, che in alcuni casi stanno prendendo posizione anche sulla questione Isis (o Is, o Isil che dir si voglia).

Anonymous, Syrian Electronic Army, The Jester, ma anche hacker iraniani e turchi RedHackcome si schierano e cosa stanno facendo? E, dall’altra parte, che gruppi hacker ci sonopro-Isis? Come e dove stanno reclutando? E soprattutto, al di là della propaganda, l’Isis costituisce o no una minaccia sul fronte cyber? Proviamo a rispondere ad alcune di queste domande, tenendo presente che ci troviamo di fronte a uno scenario ancora molto incerto e mutevole.

CONTINUA DU WIRED.IT